spot-video-pubblicita-facebookFacebook ha deciso di inserire sulle sue pagine anche dei video pubblicitari da 15 secondi, spot video che vanno ad integrare la pubblicità già presente sul social network e che saranno ovviamente venduti a prezzi davvero da capogiro. Quanto potrà mai costare un video tanto breve? Sembra che il suo costo andrà da

un minimo di un milione di dollari sino ad un massimo di 2,5 milioni di dollari, al giorno ovviamente.

Le indiscrezioni riguardo alla decisione del social network Facebook arrivano dall'agenzia di stampa Bloomberg, una decisione che deve essere considerata come un vero e proprio passo in avanti per Facebook che così si mette al passo con la pubblicità che solitamente siamo soliti vedere in televisione, che così riuscirà a portare nelle sue casse davvero molti soldi in più e riuscirà quindi a crescere e, chissà, magari anche ad offrire servizi sempre nuovi.  

Ma perché proprio video da 15 secondi? La decisione di Facebook di scegliere video di questa tipologia sembra dipenda soprattutto dalla possibilità di mostrarli non solo nella navigazione tramite computer, ma anche nella navigazione tramite dispositivi mobile come smartphone e tablet, cosa questa che permetterebbe alla pubblicità quindi di raggiungere un numero sempre maggiore di persone e di essere molto più incisiva. Solo video di 15 secondi inoltre possono girare su Instagram, l'applicazione più amata del momento che Facebook ha da poco acquistato.  

Nel frattempo il social network Facebook sta cercando anche di fidelizzare quanto più possibile tutti i suoi utenti per fare in modo che non migrino verso altri social network. Per farlo sta cercando soprattutto di offrire dei giochi sempre nuovi e sempre più interessanti, giochi che come sappiamo sono per molti utenti una vera e propria calamita.

Ma che cosa ne pensano gli altri social network della pubblicità video su Facebook? A quando pare anche loro stanno correndo ai ripari, si vocifera infatti che Twitter stia cercando di seguire un'azione di marketing piuttosto simile a quella di Facebook.

Fonte: news.supermoney.eu

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi altre informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione